Adventure4You Shop



L’animo da enduro - intervista a Filippo Ceccucci

L’animo da enduro

Filippo Ceccucci è il più profondo conoscitore dell’Umbria. Non c’è percorso nella sua regione che lui non conosca e per questo riesce a fare percorsi, nelle sue iniziative dedicate a chi è veramente endurista, sempre meravigliosi.
Filippo Ceccucci è una delle migliori persone che conosco, uno dei più profondi appassionati ed esperti del mondo enduristico. Sarà per questo che intorno non ha solo amici, ha persone che lo stimano decisamente e sinceramente.
Sarà anche per questo che nella sua storia di endurista e di uomo ha suscitato invidie e rancori.
Ma le sue doti umane lo hanno portato a guardare alla prossima curva aprendo il gas per arrivarci più in fretta.

Filippo condivide, con quanti accorrono agli eventi che lui organizza, il più puro animo da endurista, e per questo chi lo sa cerca di non mancare.
L’esperienza gli viene da lontano.
Oggi Filippo è un signore di mezza età che dimostra la metà degli anni anche come vigore, guida e voglia di mettersi continuamente in gioco. La sua prossima “storia” si chiama Anabasi 300, dal 28 Febbraio al 1 Marzo, ma nel 2015 ne seguiranno altre. Che non sono imprese oltre il possibile ma risentono tutte della capacità di mettere insieme i percorsi migliori dell’Umbria, una delle regioni più enduristiche d’Italia.
 
“Vado in moto da quando avevo 12 anni, con uno scooter Peugeot che naturalmente era usato anche per gli sterrati. Un fuoristrada appena più impegnativo l’ho affrontato subito con un Benelli 3 marce, comando a mano, e da tutta Perugia il raggio d’azione si è allargato a tutta l’Umbria. Nell’81 sono passato al Guzzi Stornello Scrambler di mio fratello con cui nell’84 ho debuttato nelle gare. Ero già vintage: anfibi ai piedi, jeans, casco Nava Vip… C’erano i Motorally UISP e io mi ero costruito il portaroad book con una scatola portapranzo. Senza trip, col contakm che sballava un chilometro ogni quattro c’era da fare i conti di continuo. Però non mi perdevo, tanto andavo piano. L’anno dopo ho fatto la stagione della raccolta della frutta al Trasimeno e mi sono comprato una Montesa 242 trial. Ma non sono mai stato un trialista.”  
 
Non sono il più adatto a esprimere giudizi su Filippo, lo so, perché non sono obiettivo: intendiamo il fuoristrada allo stesso modo, soprattutto conoscenza del territorio. Ceccucci è sempre stato animato dalla voglia di conoscere l’ovunque attraverso il percorso fuoristrada.

“Nella primavera dell’86 compro il mio primo KTM, un 250 da cross Kinigadner replica. Il mio primo freno a disco. Con quella moto capii che era necessario fare manutenzione alle moto, perché perdevo pezzi di continuo, ho perso anche le pastiglie del freno. Se volevo tornare a casa, bisognava imparare a tenerla in ordine. Così ho iniziato a battere l’Umbria a fondo. Giravo con i piloti, che si allenano sui loro percorsi, ma poi li collegavo a modo mio, ed in breve sono diventato quello che conosceva tutta l’Umbria.”

Nel frattempo Filippo intensifica la sua attività giornalistica (Motosprint, Motocross, Mototoscana, Mototre) e di fotografo (Attualfoto), si laurea in Storia dell’Arte (facoltà di Lettere), diventa il punto di riferimento per quanti hanno bisogno di mettere insieme un road book da moto rally, e dopo il Rally di Pietralunga nasce il Rally dell’Umbria.

“Mi ci dedicavo tutto l’anno. Dall’87 al 2003 ho realizzato il gruppo federale che coadiuvava i moto club nelle gare moto rally. Quindi sono tornato a collaborare ai moto rally, del campionato UISP, organizzati da Tassi. Come giornalista infine dal ’93 ho realizzato 220 titoli dei video prodotti da Mondocorse.”

Ora chi va agli eventi organizzati da Ceccucci sa cosa c’è dietro e forse non si meraviglierà più di tanto se troverà il percorso così curato. In Umbria Filippo gioca in casa, anche se ha organizzato viaggi anche in Sudamerica, America centrale, Africa… E poi mi dice che non si sente agonista, ma mi ha mandato foto quasi solo di gare: Stornello a parte, c’è l’immagine sulla Kram It 250 ad un Rally UISP, al Carpat Express in Romania nel 2004; al Motorally Castel di Sangro nel 2005, con la Suzuki DR-Z 400 che guida ancora; a Castelsardo nel 2007; nel Trofeo Regolarità d’epoca nel 2011 dove ha vinto la classe Gruppo 5.
I moto rally a cui ha partecipato non erano quelli disegnati da lui.

Per chi ama percorsi più rilassati, invece dell’Anabasi 300 di fine febbraio c’è la Anabasi Boon del 6-7 giugno, ma il consiglio è visitare di tanto in tanto la pagina del MC Umbria. Non ve ne pentirete.

Intervista di: Ugo Passerini

Lascia un commento

Letta l'informativa sul trattamento dei dati personali,

  • Alle attività di marketing

    Alle attività di marketing:
    Ovvero all’elaborazione e al trattamento dei dati da parte di Adventure4You per le finalità di marketing di cui al punto b) del paragrafo Finalità del Trattamento, con le modalità di trattamento previste, cartacee, automatizzate e telematiche, a mezzo posta ordinaria od elettronica, telefono e qualsiasi altro canale informatico.

  • Alle attività di profilazione

    Alle attività di profilazione:
    Ovvero all’elaborazione e al trattamento dei dati da parte di Adventure4You per le finalità di profilazione di cui al punto c) del paragrafo Finalità del Trattamento, relative - a titolo esemplificativo e non esaustivo - alle abitudini e propensioni al consumo, comportamento, consultazione e utilizzo del sito web.

  • Alla comunicazione a terzi per fini di marketing

    Alla comunicazione a terzi per fini di marketing:
    Ovvero alla comunicazione dei dati a società connesse o collegate a Adventure4You nonché a società partner delle stesse che li potranno trattare per le finalità di marketing di cui al punto d) del paragrafo Finalità del Trattamento, con le modalità di trattamento previste, cartacee, automatizzate e telematiche, a mezzo posta ordinaria od elettronica, telefono e qualsiasi altro canale informatico.

Cliccando sul pulsante di invio, confermo la richiesta del servizio indicato al punto a) dell’informativa, il consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell’informativa medesima, incluso l’eventuale trattamento in Paesi membri dell’UE o in Paesi extra UE.

Invia il tuo commento

con i tuoi dati prima di inviare il commento.


Sei un organizzatore di viaggi avventura? Desideri essere visibile e inserire i tuoi viaggi nel portale Adventure4You? Registrati ora!