Adventure4You Shop



« Torna alla lista

PIRENEI SCOUTING 2 E ARAGONA OFFROAD

gitanBS
  • Diario di bordo di gitanBS Inserito il 22-06-2014
  • Destinazione Spagna
  • Quando Dal 27-05-2014 al 03-06-2014
  • Avventura in: Moto
  • Viaggio organizzato da FUORI TRACCIA
PIRENEI SCOUTING 2 E ARAGONA OFFROAD

Altra chiamata di Alberto ( www.o2riders.com ) per continuare lo scouting sui Pirenei iniziato l'anno scorso.
In 12 ore di pickup con carrellone siamo a Saragoza e da qui il giorno successivo risaliremo verso Canfranc in modo da riagganciarci al percorso già testato.

La prima notte a Saragoza è stata piovosa e ci aspettiamo l'inevitabile fango. Nonostante ciò il trasferimento si rivela inaspettatamente piacevole perchè si attraversano pinete e colline verdissime mentre io ero convinto che sarebbe stato solo un monotono altipiano. Arriviamo a Los Mallos de Riglos sotto la pioggia che non ci impedisce però di apprezzarne la maestosità e l'originalissima morfologia.
La pioggia è tale che decidiamo di sostare sotto la piccola pensilina di una fermata d'autobus, ma almeno le moto si lavano!
Ci forziamo e riprendiamo la strada per Jaca sotto un mezzo diluvio e con attrezzatura minima, quella che ci sta nello zaino in cui abbiamo poco di tutto ciò che ci servirà per 3 giorni.
So che la strada per Jaca è bella perchè l'ho già percorsa in passato ma ora si sta più che altro attenti alla guida con i tassellati sull'asfalto vecchio e un po' unto.
A Jaca spiove e guadagnamo l'hotel in fretta. Nella hall entra un motard con completo bmw che spinge un tizio su sedia a rotelle vestito invece normalmente: al momento non capisco, ma poi nel portare le moto in garage vediamo una bmw col sidecar dotato di capottina e ci è tutto chiaro: la solidarietà tra motociclisti esiste davvero, non è un modo di dire...

Da Jaca si sale sulle montagne, il fango è tanto e le piste sconnesse. Scolliniamo e incontriamo una sbarra aperta, sinonimo di "via libera", ovviamente. Dopo poche centinaia di metri superiamo dei boscaioli al lavoro, lo sterrato scende e arriva sull'asfalto dove ci attende un "Forestale", ahi, ahi..
Però gli spagnoli non sono italiani e si chiacchera subito cordialmente di divieti e di moto: avevamo percorso un tratto vietato e aperto solo per i lavori, ma vabbè, per stavolta non c'è problema, si vede subito che siamo tranquilli escursionisti e non esagitati enduristi della domenica (peraltro rarissimi in Spagna).
Siamo in vista di Canfranc e comincia il "lavoro" vero. Alcuni lunghi tratti di sterrato sia di montagna che a bordo fiume ci ripagano dei troppi tratti asfaltati che siamo obbligati e fare per via dell'orografia dalle pendenze quasi sempre impervie.
In vista di Pamplona Alberto si produce nell'ardua ma fruttuosa ricerca di un difficile passaggio tra colline su cui non avrei scommesso una peseta! Non c'è dubbio: è un GRANDE TRACCIATORE!
Pamplona è Pamplona: viva, piena di gente e localini variopinti e la cena è stata inevitabilmente memorabile!

Oggi torniamo a Saragoza attraversando le Bardenas Reales con i suoi paesaggi originalissimi e vastissimi. Bisogna solo controllare il polso sugli sterrati perchè il limite di velocità è 40km/h e ci sono parecchie automobili e biciclette, almeno nel percorso classico..... Poteva Alberto limitarsi a quello? Ovviamente no! Ci buttiamo su sterrati laterali molto lunghi e poco frequentati, tipo Far West, ma il dubbio che fossimo in zona vietata non l'ho ancora rimosso nonostante le rassicurazioni di Alberto.
Dopo pranzo (saltato) troviamo i 2 compagni di avventura che sapevamo di dover incrociare, intenti a smontare una moto per piccole regolazioni.
Con loro arriviamo al carro armato in disuso appena sopra Saragoza nel bel mezzo del poligono militare più grande di Spagna, ma l'abbiamo saputo solo dopo e comunque è una zona aperta al traffico.

I giorni successivi facendo base a Saragoza effettuiamo tre dei classici percorsi dell'Aragona, sempre molto entusiasmanti sia per la guida che per i panorami.

Andiamo a Sud fino a Belchite che lascia sempre sgomenti in quanto simbolo della crudeltà umana e della stupidità delle guerre.
Mi è venuto in mente l'aneddoto su Picasso che al graduato tedesco che facendogli visita nella Francia occupata e che vedendo "Guernica" gli disse "Ah, lei ha fatto questo!" rispose "No, VOI avete fatto questo!" Anche l'Arte richiede coraggio a volte.

Poi il Desierto de los Monegros che dal Toro Osborne va ai laghetti, agli ouadi, alle torri in rovina e sulla Sierra, sempre immersi nel clima della "Baja Aragona" che qui si corre. Ci siamo persi un paio di volte ma poi ritrovati grazie ai punti di incontro predisposti da Alberto.

Da ultimo il Moncayo, il meraviglioso ed infinito altopiano
con le sue valli, i boschi, i suoi pastori e i monasteri!

Termino con un ricordo proprio dal Moncayo: stavo bevendo alla fontana di uno dei monasteri e saluto una coppia, lui e lei, molto anziani, direi ottuagenari, seduti su una panchina nell'ampia corte interna. Ci scambiamo solo due parole sulla bontà di quell'acqua e nulla più. Riparto e vedo in ombra dietro un angolo una vecchissima moto semiarrugginita, una 125 o una 175 con una casco a scodella e un foulard appoggiati sulla sella. Al momento non ci bado, ma dopo qualche istante sento un motore che pistona lento allontanandosi  verso valle..... Capisco che sono prorpio quei due vecchietti e quasi vorrei tornare indietro per salutarli "Ola, motistas!" ma era inutile: loro erano sì vecchi, ma stavano insieme, in quel paradiso e con la loro vecchia moto.
Io non avevo nulla da aggiungere: le scelte che contano nella vita loro le avevano già fatte!
Voto utenti:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
Il tuo voto:
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4

Lascia un commento

Letta l'informativa sul trattamento dei dati personali,

  • Alle attività di marketing

    Alle attività di marketing:
    Ovvero all’elaborazione e al trattamento dei dati da parte di Adventure4You per le finalità di marketing di cui al punto b) del paragrafo Finalità del Trattamento, con le modalità di trattamento previste, cartacee, automatizzate e telematiche, a mezzo posta ordinaria od elettronica, telefono e qualsiasi altro canale informatico.

  • Alle attività di profilazione

    Alle attività di profilazione:
    Ovvero all’elaborazione e al trattamento dei dati da parte di Adventure4You per le finalità di profilazione di cui al punto c) del paragrafo Finalità del Trattamento, relative - a titolo esemplificativo e non esaustivo - alle abitudini e propensioni al consumo, comportamento, consultazione e utilizzo del sito web.

  • Alla comunicazione a terzi per fini di marketing

    Alla comunicazione a terzi per fini di marketing:
    Ovvero alla comunicazione dei dati a società connesse o collegate a Adventure4You nonché a società partner delle stesse che li potranno trattare per le finalità di marketing di cui al punto d) del paragrafo Finalità del Trattamento, con le modalità di trattamento previste, cartacee, automatizzate e telematiche, a mezzo posta ordinaria od elettronica, telefono e qualsiasi altro canale informatico.

Cliccando sul pulsante di invio, confermo la richiesta del servizio indicato al punto a) dell’informativa, il consenso al trattamento dei dati per le finalità del servizio e con le modalità di trattamento previste nell’informativa medesima, incluso l’eventuale trattamento in Paesi membri dell’UE o in Paesi extra UE.

Invia il tuo commento

con i tuoi dati prima di inviare il commento.

Sei un organizzatore di viaggi avventura? Desideri essere visibile e inserire i tuoi viaggi nel portale Adventure4You? Registrati ora!
Conosci un preparatore fuori di testa? Segnalaci il tuo preparatore preferito, noi lo aggiungeremo al sito Adventure4You! Proponi il tuo!
Aggiungi e condividi il tuo itinerario! Inserisci!